top of page
  • Immagine del redattoreSalvatore Severino

AIUTO TESI DI LAUREA-I NEURONI



Il neurone (cellula nervosa) è l'unità strutturale, trofica e funzionale del tessuto nervoso; è una cellula specializzata che conduce impulsi elettrochimici in tutto il corpo per controllare, modulare e integrare le funzioni dei tessuti corporei.


Il neurone consente la trasmissione di informazioni centrifughe, dal sistema nervoso centrale alla periferia del corpo, attraverso i cosiddetti neuroni motori o efferenti (ad esempio per consentire il movimento del corpo), e informazioni centripete, nella direzione opposta, attraverso i neuroni sensoriali verso il sistema nervoso centrale, ad esempio, per allertare il corpo di un potenziale pericolo.


I neuroni, quindi, sono elementi cellulari costitutivi del sistema nervoso centrale, responsabili della ricezione di informazioni sensoriali dall'ambiente esterno e interno, dell'invio di impulsi motori alla muscolatura e della trasformazione e trasmissione di segnali elettrici a ogni passaggio intermedio.


Esistono diversi tipi di neuroni: Unipolari, pseudo-unipolari, bipolari, multipolari.

In merito alla struttura, distinguiamo il corpo cellulare (soma), i dendriti (processi corti), gli assoni (processi lunghi).


La classificazione morfologica divide i neuroni in diversi tipi: neuroni multipolari, neuroni bipolari, neuroni unipolari e neuroni pseudounipolari.

I neuroni sono una delle popolazioni cellulari più diverse del corpo umano; possiedono un'ampia gamma di schemi di ramificazione, che sono caratteristici e consentono l'identificazione di determinati sottogruppi neuronali.


I neuroni multipolari sono i neuroni più abbondanti nel sistema nervoso umano e all'interno di questa categoria si trovano i motoneuroni e gli interneuroni; tale tipo di neuroni ha un assone che si estende da un'estremità del corpo neuronale e dendriti multipli che emergono e si ramificano dall'altra estremità del soma.


I neuroni bipolari hanno un singolo assone e un singolo dendrite che nascono dalle estremità opposte del corpo neuronale; sono neuroni sensoriali presenti nell'uomo solo nella retina e nei gangli associati ai nervi vestibulococleare (NC VIII) e olfattivo (NC II).


I neuroni unipolari non hanno dendriti, ma solo un assone; tali neuroni sono in realtà pseudo-unipolari perché il loro assone si biforca in prossimità del soma: uno di questi rami (ramificazione centrale o assonale) è diretto verso il sistema nervoso centrale, mentre l'altro (chiamato ramificazione periferica o dendritica) è diretto verso la periferia del corpo. Ad eccezione dei neuroni bipolari descritti in precedenza, questi neuroni sono i neuroni sensoriali più abbondanti nell'organismo e sono responsabili della conduzione di tutti gli altri tipi di sensazioni.



In base alla loro funzione, i neuroni possono essere classificati in tre categorie:

  1. Neuroni sensoriali (afferenti), che trasportano gli impulsi nervosi dalla periferia al sistema nervoso centrale;

  2. Neuroni motori (efferenti), che conducono gli impulsi dal sistema nervoso centrale alla periferia.;

  3. Interneuroni, che a volte si interpongono tra i neuroni motori e sensoriali, e la loro funzione è quella di integrare e modulare la comunicazione tra di essi.


A seconda della loro posizione, i neuroni si classificano in due grandi categorie: quelli situati nel sistema nervoso centrale (cervello e midollo spinale) e quelli nel sistema nervoso periferico.

Nel sistema nervoso centrale, i loro corpi, o soma, sono situati in gruppi chiamati nuclei o in strati chiamati lamine, mentre nel sistema nervoso periferico i corpi neuronali sono situati in strutture chiamate gangli.


La classificazione morfologica dei neuroni si basa sulla diversità dei loro componenti funzionali. In senso lato, ogni neurone è costituito da un corpo (soma o pericario), da dendriti (chiamati anche neuriti corti o processi corti) e da un assone (neurite lungo o processo lungo).

Ogni neurone ha un solo assone, mentre il numero di dendriti ne definisce la classe morfologica. La classificazione morfologica è la seguente:




Il corpo neuronale può essere chiamato anche pericario o più comunemente soma; come i corpi di altri tipi di cellule, ospita il nucleo e altri organelli (detti anche organuli) all'interno della sua membrana citoplasmatica.

Oltre a svolgere funzioni di mantenimento all'interno della cellula, gli organelli di un neurone sono responsabili della sintesi di neurotrasmettitori come l'acetilcolina, l'epinefrina e così via.


Il soma ha numerose proiezioni citoplasmatiche chiamate dendriti che emergono dalla sua superficie; tali dendriti formano connessioni specializzate con altri neuroni, destinate allo scambio e all'elaborazione di informazioni, e sono ricoperti da estensioni ancora più piccole, chiamate spine dendritiche, che costituiscono i punti di contatto con gli assoni di altri neuroni.

Questi punti di contatto sono chiamati sinapsi e possono verificarsi non solo tra neuroni, ma anche tra neuroni e tessuto muscolare (giunzione neuromuscolare).


I corpi cellulari di quasi tutti i neuroni (ad eccezione di alcuni neuroni chiamati neuroni anassonici) presentano un'area conica (cono assonale) che si proietta a formare un prolungamento chiamato assone.

Il cono assonale o cono dell'assone è una porzione del soma che possiede fasci di microtubuli, ribosomi isolati, neurofilamenti, mitocondri e vescicole di trasporto.

È invece quasi del tutto privo di corpi di Nissl (reticolo endoplasmatico ruvido o granulare) o dell'apparato di Golgi.


Gli assoni possono essere mielinizzati o amielinizzati, a seconda del loro diametro; la mielina è una guaina membranosa che isola l'assone.

Negli assoni mielinizzati esistono regioni intermedie che rimangono non mielinizzate, note come nodi o nodi di Ranvier.

Attraverso tali regioni, l'impulso nervoso negli assoni mielinizzati si propaga più rapidamente, un meccanismo noto come conduzione saltatoria.

La velocità di conduzione aumenta con l'aumentare del diametro dell'assone: gli assoni più spessi conducono l'impulso più velocemente di quelli più sottili.


I neuroni possono comunicare tra loro e con i tessuti di destinazione grazie ai loro prolungamenti. Le connessioni che i neuroni formano tra loro sono chiamate sinapsi.

A seconda della proiezione neuronale coinvolta in una sinapsi, queste possono essere classificate come:

  1. Assodendritiche, quando coinvolgono un assone e un dendrite;

  2. Assosomatiche, quando un assone fa sinapsi con il soma di un altro neurone;

  3. Assoassoniche, quando la connessione avviene tra due assoni.


Le sinapsi chimiche sono le più comuni nel corpo; tutti i neuroni comunicano tra loro in questo modo, così come con altre strutture non neuronali.

In tale tipo di sinapsi, il neurone che invia il messaggio sintetizza un composto chimico (neurotrasmettitore) nel suo soma; questo neurotrasmettitore viene trasportato lungo l'assone e rilasciato nello spazio tra la terminazione assonale e la membrana ricevente.


Una volta rilasciato, il neurotrasmettitore raggiunge la membrana cellulare e interagisce con essa in un sito specifico chiamato recettore; una volta che questa interazione si verifica, innesca una serie di eventi nella cellula bersaglio che porteranno a una risposta da parte di quella cellula. Ad esempio, i motoneuroni sintetizzano un neurotrasmettitore chiamato acetilcolina e lo rilasciano nella fessura sinaptica tra i loro assoni e le membrane delle cellule muscolari scheletriche.

La risposta della cellula muscolare è la contrazione.


Le sinapsi elettriche si trovano in siti in cui c'è una comunicazione aperta tra i citoplasmi delle cellule adiacenti; tale comunicazione avviene spesso attraverso giunzioni chiamate gap junctions, nexus o giunzioni comunicanti, che possono essere immaginate come piccole finestre che mettono in comunicazione gli spazi intracellulari di due cellule vicine.


Tali finestre permettono di condurre gli impulsi direttamente, a differenza della comunicazione tramite messaggeri chimici che avviene nelle sinapsi chimiche.

Nell'uomo, queste giunzioni si trovano nel muscolo liscio e cardiaco.


FONTE







10 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page